Crea sito
Scampoli di vita

Racconti

Scende la sera

Scende la sera

(Storia di una famiglia) Gli ultimi giorni erano stati un caleidoscopio di sentimenti, emozioni, rivelazioni e fatiche da affrontare, e soluzioni da inventare all’ultimo momento. Ma alla fine ce l’aveva fatta, ed era riuscito a trovare un alloggio che riteneva almeno degno di un po’ di intimità. Non era così che avrebbe voluto che andasse a finire…

Invito a un matrimonio

Invito a un matrimonio

(Storia con finale) Le aveva fatto piacere essere stata invitata al loro matrimonio. Voleva loro molto bene, e sapeva che la nascente famiglia aveva fatto diversi sacrifici per riuscire ad arrivare semplicemente al nastro di partenza. Oltretutto gli ospiti erano veramente tanti, e vedere che nonostante tutto gli sposi non avevano mancato in generosità con loro…

Mi sento un po’ giù

Mi sento un po’ giù

“Cosa c’è figlio mio?” chiese al suo figliolo, che aveva l’aria un po’ abbacchiata. “Niente” rispose, palesemente mentendo, sapendo che avrebbe insistito. “Che ti è successo oggi? Di sicuro qualcosa non ti è andato per il verso giusto” riprese il padre. “Non è solo oggi – proseguì il figlio – ormai è da un po’ che è così; mi alzo al mattino e non so perché…

Un mezzogiorno ordinario

Un mezzogiorno ordinario

(Storia di un incontro) Una giornata ordinaria di una vita ordinata, tra mestieri imparati da bambina prima ancora di saperlo e pensieri visitati nell’intimo dove nessuno vede, e dove tutto custodiva. La mattina iniziata con le consuete pratiche in cui fondamentale era l’intenzione, perché senza questa, quelle non valevano nulla…

Un bellissimo incarico

Un bellissimo incarico

Aveva scelto una volta per tutte. Gliene aveva dato tutti gli elementi, del resto, insieme all’intelligenza per capirli fino in fondo. Ed era stato amore al primo pensiero (di vista parlavano le fragili creature a lui affidate). Altri avevano scelto in modo differente, terribile, una strada a lui ora chiusa e incomprensibile…

Oltre la gioia

Oltre la gioia

Quello che provava era oltre la gioia, più della serenità, meglio della pace. Non sapeva se era più merito del corpo o dello spirito. Forse di entrambi, perché entrambi erano stati raggiunti. Ricorderà sempre quel giorno: la folla che non si riusciva a passare, il caldo dell’estate, la determinazione dei suoi amici che erano riusciti a convincerlo…

Una voce leggera

Una voce leggera

Non era buio, semplicemente non era, come se fosse fatto di niente. Non aveva una forma precisa, un’idea di cosa essere o diventare. Non era in suo potere deciderlo. In un quasi mare senza sponde e senza estensione, ma sorvegliato da vicino, osservato e tenuto d’occhio. Pronto per un viaggio, per diventare, per essere, per crescere…