Crea sito
Scampoli di vita

Storia di una vita

In cielo quella volta, come tutte le altre, si fece silenzio assoluto. Era un momento indimenticabile, dove meraviglia e intelligenza venivano inondate oltre ogni loro possibilità.

“Lo voglio colorare di emozione – disse come chi facendo pensa a voce alta – ma con una dominante di stupore e curiosità. Poi ci metto una bella spolverata di intelligenza, perché voglio che capisca; e un bella riserva di sorrisi, da usare per chi gli starà vicino.

“Nostalgia di quel che non sa, perché non stia mai fermo; gioia per un affetto, perché questo si moltiplichi; speranza per un futuro migliore, così potrà cambiare il mondo attorno a sé, se vorrà.

“Una goccia di tristezza, per riuscire a condividerla e capirla in chi soffre; un carretto da riempire con i ricordi, per portarsi sempre appresso la propria identità; una capacità di amare, perché… son fatto così.”

Continuò per qualche tempo a tratteggiare i dettagli. Anche stavolta era venuto diverso, originale, unico, irripetibile. Improvvisava sempre, e gli riusciva ogni volta. E vide che era cosa molto buona.

Ma quando alla fine Dio pronunciò il tuo nome, non potesti far altro che cominciare ad esistere, perché a questo comando non si può disobbedire. Anche stavolta si era dimenticato la data di scadenza, perché – diceva – così era  costretto a custodirti nel suo amore per sempre.

Ma ormai in cielo sapevano che questa sua smemoratezza era un gioco.

© Edmondo F.

Storia di una vita

Un commento se vuoi...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: